Un Sacco VeryBello!

leo-un-sacco-bello

Verrebbe da chiedersi se ci prendono per il culo. Verybello.it è una di quelle cose talmente grottesche da proiettarti prepotentemente in un universo in cui il Carlo Verdone di “Un Sacco Bello” è a capo del governo.

Beh, quantomeno l’utilizzo dell’inglese del Governo italiano è compatibile col titolo internazionale del film di Verdone: “Fun is Beautiful”

Se non lo avete ancora sentito nominare in rete, è il portale di promozione turistica realizzato per l’Expo 2015 di Milano. Costato 5 milioni di Euro ed ideato da quel genio di Franceschini, ministro dei Beni Culturali. E scusate la bassezza dell’associazione Beni Culturali e Franceschini nella solita frase.

Ammiriamo una foto orgogliona:

image
Quello a sinistra è venuto solo perché dopo c’era il buffet. Quella a destra non ha mai navigato su Internet prima di verybello.it, quindi le sembra fighissimo. Franceschini ha l’espressione di uno che ha vinto il campionato.

Verybello.it annuncia in homepage “1000+ cultural events” rivelando già l’approccio. Perché se fossero stati 12 gli events, sembrava brutto. Ecché non c’avete altro?

Il portale è pensato per dare in pasto ai turisti stranieri (che non lo consulteranno mai) quello che secondo Franceschini gli stranieri si aspettano dall’Italia: cliché sul paesaggio, il cibo, la moda, il cinema fatto di maggiorate che escono dalle fontane e gente che urla e gesticola, belle donne e capolavori d’arte in mezzo alla strada, il traffico e i motorini.

Insomma, l’estrema sintesi di quello che fa Italia all’estero, a partire dal nome. Questo concetto di bellezza che ricorre sempre in qualcosa di collegato all’Italia.

Se vuoi esser preso in considerazione per il Premio Oscar, vuoi non mettere il bello o la bellezza nel titolo? Non a caso i nostri ultimi due film vincitori di una statuetta si chiamano La Vita è Bella e la Grande Bellezza.

L’Italia, questo paese in cui tutto è attraversato da una struggente bellezza che tutto pervade e sottomette.

Chiaramente, è ormai interesse dei governanti italiani offrire un’immagine pecoreccia e stereotipata, alimentare il baffetti-mandolino-mafia nato oltreoceano. Navigare ben saldi nella rotta tracciata da Jersey Shores. Il punto è che lo stereotipo siamo noi a promuoverlo quando ormai nell’immaginario internazionale nessuno lo concepisce più. Da quant’è che non si fa un film di mafia ad Hollywood o una serie TV? In compenso noi facciamo i vari Gomorra da esportazione appiccandoci lo stile nato in America.

Ma torniamo a Very Bello. Che ha un illustre predecessore, il portale italia.it, costato anch’egli uno sproposito, lanciato all’epoca da agghiacciante video di Francesco Rutelli che ci esorta con: “plis visit italy, biutiful country, biutiful lendscheip, but plis visit also ueb sait”:

“Plis Visit Italy”

Notare come ancora sia centrale il ricorso al concetto trascendetale di bellezza.

E a tal proposito come non ricordare la sapiente favella del Silvio Berlusclown prostrato sui ceci davanti all’Homo Habilis George W.Bush. Un esempio di zerbinaggio  conclusosi degnamente dalla presa per il culo di Bush che si complimenta per l’inglese. Cioè: ti sei fatto prendere per il culo da Bush.

“Ai consider det de flag of United States, NOS onli de flag ov de cauntri, BAS IS a iuniversal MESSAGG ov fridom end dimocrasi.”

Seguito poi dal discepolo di Silvio, l’attuale capo comico Matteo Renzi, che ha pensato bene di sfoggiare questo inglese all’innaugurazione del semestre di presidenza italiana dell’Unione Europea.

“And now is time for lunch”

 

Insomma: una lunga tradizione precede verybello.it, tutta fatta di figure di merda, soldi pubblici spesi ad canis catsum, siti internet inutili, comizi indecenti. E se fate un giro sul nostro bel portale che rappresenta l’Italia nel mondo, troverete che manco per il cazzo è disponibile una versione inglese del sito. A trovarne di raccomandati che sappiano l’inglese!

E per concludere alcuni contenuti che vorrei suggerire da integrare nel sito partner dell’Expo:

– Autovelox e posti di blocco: come arrivare in Italia fottendosene del limite di velocità

– Roma Termini, Napoli Campi Flegrei e altre luoghi da evitare dopo le 22.

– Vivi al meglio l’Expo: sai quale cosca mafiosa ha finanziato il padiglione che stai visitando?

– I migliori luoghi per fare un puttantour da Lignano Sabbiadoro ad Acireale

– Traduttore automatico inglese – italianoverybello.

– Cena entro le 21, altrimenti è tutto chiuso. Un reminder per agevolare i turisti con l’aggiunta di tutte le pizzerie e gelaterie turistiche con prezzi spropositati.

– Manca uno a calcetto: conosci tutte le partitelle vicine al tuo albergo dove manca il decimo

– Speciale abuso ambientale: dove bruciare indisturbato il materasso vecchio e altri illeciti.

– Una app per rimanere sempre aggiornati sugli avvisi di garanzia che arriveranno a tutti i protagonisti appena chiusa la fiera

 

 

 

socialcosi

Gabriele Neri

Fondatore di Battibit nell'aprile 2013. Sono uno storico di formazione, scrittore di saggi e racconti brevi. Nella vita mi occupo di lavoro e disoccupati, compositore occasionale.
socialcosi

Lascia un commento!

Gabriele Neri

Fondatore di Battibit nell'aprile 2013. Sono uno storico di formazione, scrittore di saggi e racconti brevi. Nella vita mi occupo di lavoro e disoccupati, compositore occasionale.

error: Content is protected !!