Sillogismi di un astemio

Nel dolore delle vicissitudini abbraccerei persino mia madre. La disperazione a volte gioca brutti scherzi.

Insegui i tuoi sogni altrimenti lo faranno loro sotto forma di incubi.

La noia degli astemi sta nel non aver mai provato il lato dolce della vita.

Un tempo protestavamo per reclamare la propria libertà. Oggi – il delirio mentale – ci apre dentro un mondo perfetto.

Ho inciso dentro me stesso ciò che più volevo dimenticare affinché ricordassi quanto ingiusto sia l’uomo nella sua più totale nudità.

Non siamo noi a scegliere quando sarà il momento di morire ne in che corpo rinascere. Quest’ultima – forse – è decisamente la più spaventosa delle due.

Apprendiamo attraverso la morte il senso dell’esistenza e l’insignificanza delle nostre azioni.

Fumare cicche con filtro è come leccare delle mutande con dentro una figa bollente.

Fuggire dalla monotonia per vivere in un placebo d’illusioni, come se volando si possa in qualche modo far scordare alla Morte di noi.

Il Poeta inizia quando finisce l’Uomo.

Pier Paolo Macchiavoskij

Lascia un commento!

Ti è piaciuto? Lascia un commento!

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: