Qualcosa di simile a un addio

Qualcosa di simile a un addio

 

Olio su tela 70×70 cm

Agosto/Novembre 2002

 

 

“A pochi giorni dalla tua scomparsa, incapace di tutto, piazzai con rabbia un cavalletto ai piedi del letto. Mi ci vollero tre mesi per finirla quella tela. Dipingevo con la finestra aperta quando mi accorsi che là fuori, c’era ancora una tua maglietta. sventolava appesa al filo.”

A Daniele

Beatrice La Visionaria

Beatrice La Visionaria

Mi chiamo Beatrice. Ho cominciato a parlare a tre anni e chiaccherare non è mai stato il mio forte. Se un estraneo mi rivolgeva parola rispondevo sì, no, non so. E se insisteva rispondevo quello che voleva sentirsi dire. Le cose una volta pensate, che bisogno c'è di dirle? Come disse di me ai miei uno psicologo: "La bambina ha il sé grandioso." Ci vollero un paio di anni alle elementari per capire che dovevo comportarmi come tutti gli altri. Il segreto era di confondersi come una sardina in un banco di sardine. Ora nessuno mi rompeva più. La mosca era riuscita a fotterli tutti. Perfettamente integrata nella società di vespe. Credevano che io fossi una di loro. Una giusta. Ma più inscenavo questa farsa e più mi sentivo diversa. Da sola ero felice con gli altri dovevo recitare. Questa cosa mi impauriva. Avrei dovuto imitarli per il resto della vita? Niente di male, sempre che non ci sia niente di male a smettere di fare quello che si vuole per essere accettati nel vespaio.
Beatrice La Visionaria

Latest posts by Beatrice La Visionaria (see all)

Lascia un commento!

Beatrice La Visionaria

Beatrice La Visionaria

Mi chiamo Beatrice. Ho cominciato a parlare a tre anni e chiaccherare non è mai stato il mio forte. Se un estraneo mi rivolgeva parola rispondevo sì, no, non so. E se insisteva rispondevo quello che voleva sentirsi dire. Le cose una volta pensate, che bisogno c'è di dirle? Come disse di me ai miei uno psicologo: "La bambina ha il sé grandioso." Ci vollero un paio di anni alle elementari per capire che dovevo comportarmi come tutti gli altri. Il segreto era di confondersi come una sardina in un banco di sardine. Ora nessuno mi rompeva più. La mosca era riuscita a fotterli tutti. Perfettamente integrata nella società di vespe. Credevano che io fossi una di loro. Una giusta. Ma più inscenavo questa farsa e più mi sentivo diversa. Da sola ero felice con gli altri dovevo recitare. Questa cosa mi impauriva. Avrei dovuto imitarli per il resto della vita? Niente di male, sempre che non ci sia niente di male a smettere di fare quello che si vuole per essere accettati nel vespaio.

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: