Play me Old King Cole

Presa in una fotografia anni Trenta,

eyeliner e sigaretta alla menta,

un vestito di fiori di campo

ferma un attimo, un lampo,

lontana dall’anima in pena

dalla buona lena

lontana dalla iena

che pasteggia alla carcassa,

dall’influenza politica della massa,

da Dio, dalla Chiesa,

dai sacri

massacri,

dalla vena

artistica

che pulsa sulla fronte

del giovane rampante,

lontana

dalle parole al vento,

tra la quiete e il movimento,

un attimo prima del volo,

un assolo,

più che donna,

donnina,

vicina

all’accordo di chitarra alla tavolata,

al bimbo in braccio alla tata,

a un’insalata fresca di arance e finocchi,

non sbarrare questi begli occhi,

ecco così, distesa,

languida,

presa

in una fotografia,

aspira,

che buon sapore

ha la carta che brucia,

la perdita di fiducia,

la lenta nebbia del presente,

espira,

ammira

la mente,

il suo potere infinito,

trattieni al seno i lembi

del vestito,

guarda qui a lato dell’obiettivo,

il miraggio di un arrivo,

la fantasia di un ritorno,

in coscienza,

non al ritorno aspiri –

alla partenza.

 

 

 

Fotografia di Rosario Patanè

Annick Emdin

Annick Emdin

Annick Emdin, nata a Pisa il 14 Dicembre 1991, è laureata in Discipline dello Spettacolo, drammaturga e regista teatrale (‘Matrioska’ -2011, ‘Bambole Usate’ 2012, 'Medea' 2014), autrice di racconti per la collana Demian (Il Foglio Letterario) e del romanzo ‘Lividi’ edito da Edizioni Anordest.
Annick Emdin

Latest posts by Annick Emdin (see all)

Lascia un commento!

Annick Emdin

Annick Emdin

Annick Emdin, nata a Pisa il 14 Dicembre 1991, è laureata in Discipline dello Spettacolo, drammaturga e regista teatrale (‘Matrioska’ -2011, ‘Bambole Usate’ 2012, 'Medea' 2014), autrice di racconti per la collana Demian (Il Foglio Letterario) e del romanzo ‘Lividi’ edito da Edizioni Anordest.

Ti è piaciuto? Lascia un commento!

error: Content is protected !!