Italian Food all’estero: i menù dell’orrore

Cosa c’è di più sconcertante che mangiare il pollo arrosto con le penne rigate al pomodoro di contorno a Omaha, Nebraska? Direi, a occhio e croce, gli italiani che vanno a mangiare nei ristoranti italiani all’estero terrorizzati dal cibo straniero. Sbagliato! E’ del cibo italiano fatto ad minchiam che dovreste essere spaventati!

Quest’oggi vi serviamo il peggiore menù della storia assemblando le porcherie più atroci rinvenute nei ristoranti italiani disseminati nei gloriosi Stati Uniti, che seppur terra di emigranti italiani, è anche terra di emarginati dell’alimentazione.

Chi ha vomitato nel mio piatto?

Quello che vedete qua sopra è il tipico secondo piatto nella gran parte dei ristoranti italiani degli USA: si tratta di un “filetto di pollo” ricoperto da un omelette con sopra gli spaghetti al pomodoro, i funghi in padella e due asparagi che sono caduti dentro il piatto per sbaglio. Il tutto annegato in due dita d’olio e salse.

Questa schifezza la potete gustare al “Ristorante Lo Sole Mio”, così con l’articolo sbagliato, Omaha – Nebraska. Che ha addirittura il certificato di eccellenza su Trip Advisor.

Per indagare meglio su “Lo Sole Mio” abbiamo visitato il suo sito. Che entrando ci augura “Buon Appetito and Mille Grazie”. Prego.

Prenderemo a paradigma il menu di questo posto per capire come gli americani percepiscano le portate della cucina italiana. In effetti scopriamo che alcuni accoppiamenti ricorrono un po’ ovunque.

Come ad esempio mangiare la carne con la pasta di contorno, che il pesto si usa per condire la mozzarella, che l’insalata la ficchi dentro la zuppa in brodo, che la baklava è considerata un dolce italiano.

abbiamo segnalato questa foto come offensiva su tripadvisor. sembra un cervello spappolato, invece sono spaghetti affogati nella salsa garlic, vino e gorgonzola.

 

Cotolette impanate con noodles cinesi al prezzemolo

Ma se la cucina italo-nebraskiana non è una sfida abbastanza hard per voi rilanciamo con il Ristorante Trombino’s Bistro Italian che ci accoglie sul suo sito con la frase: “SERVING “MANGIA” & “ABBONDANZA” FOR OVER 34 YEARS!

Trombino si trova ad Albuquerque, la città di Breaking Bad per intenderci.

Prima di addentrarci nel menù notiamo che il locale vanta addirittura una gallery che ci invita a…

“Take a tour of our cozy and romantic surroundings.”

Qui un esempio del romanticismo del luogo.

Abbiamo il sospetto che sia uno scherzo, ma ci passa quando leggiamo la sezione cliccabile del sito “Inside Trombino”

Ma cosa si mangia da Trombino? Vi elenchiamo brevemente alcune prelibatezze:

Insalate:

la “Bistecca Insalata”, ovvero l’insalata con la bistecca (o viceversa si presume) per 14,99 $; la Brutus Salad che ha come unica descrizione nel menu la frase “Hail Caesar”

Pane:

La pizza bianca, sì avete capito. O ordinate il pane all’aglio o vi portano una pizza bianca come pane.

“Alla Grilla”: (doppia “L” in italiano si legge per loro come in spagnolo)

Gorgonzola Crusted New York Strip Steak, 14 oncie di bistecca grigliata con il gorgonzola, gli asparagi e le patate

“Rib Eye alla Tuscany”, una libra di Angus (che è una carne argentina e non toscana) e ancora patate e asparagi.

Il Pollo “alla Trombino” con pomodori spiaccicati in un brodo di olio di palma

E poi una deliziosa sezione di Vitello che viene servita OVUNQUE in america con gli stessi nomi: Veal Piccata, Veal Marsala, con peperoncino o vino il tutto accompagnato da spaghetti alla marinara. Perché!? ORRORE.

Ma andiamo oltre.

E andiamo a visitare il Ristorante Bella Aquila a Eagle, Idaho.

Bellissimo il loro concetto di ortografia italiana, ancora più sballato del solito: abbiamo il “platto di antipasto”, “i calimari fritti”, le “picciole pizze”, la “piza marguerite”, la “zuppa di giorno” (nel senso che te la consegnano il giorno stesso che la ordini) e il suppli. Senza accento, che non è il supplì alla romana. Ma è “Aged Fontina Stuffed Risotto Cakes, gently fried and with Marinara & Basil Oil”.

Sottolineamo il gently fried per la gioia dei cardiologi.

Questa invece è la squisita parmigiana di melanzane con erba sintetica del campo di calcetto sopra, adagiata sulla pasta al pesto con un pomodoro incolore esploso (ormai un classico degli italian restaurant) e una zucchina recuperata dagli avanzi di un piatto nel lavello.

Chiudiamo il menu con il misteriosissiomo piatto chiamato “Shawnza”: pollo, bacon, pomodoro, mozzarella, basilico e olio d’oliva.

Ah, come accade qui nell’Idaho ovunque nel mondo anglosassone se ordinate qualcosa che contiene Pepperoni non vi arrivano i peperoni ma vi arriva il salamino piccante. Misteri.

Un Pepperoni stick, tipo le barrette dei cani

Altro abominio noto, tralasciando le pizze all’ananas, è il pollo sulla pizza o la pizza bolognese, una roba che dovrebbe avere una sorta di ragù sopra.

Ma andiamo avanti. E visitiamo il Ristorante “Bella Panini” di Colorado Springs, Colorado.

Il sito ti accoglie con un tricolore, ma ha i colori sbagliati, sono quelli del Senegal.

Cotoletta sopra gli spaghetti al formaggio di colla Saratoga

Bella Panini è l’acerrimo nemico in Colorado di “Buca di Beppo”, catena di ristoranti che non fornisce menu online ma ti invita a “find your Buca”.

A contendere loro il primato c’è “Canino’s” il cui pezzo forte del menu pare essere il “Mussolini-Ous Stuffer”, una ciambella ripiena di polpette ripiene, salsicce e provolone. Non stiamo scherzando.

Se non vi convince… come darvi torto. Ma potete sempre ripiegare ordinando un “Build Your Own Calzone”, un calzone in cui ci può ficcare di tutto, dagli scampi al pesto alla genovese.

Chiudiamo con l’ultima perla, il ristorante “Babbo Italian Eatery” di Phoenix, Arizona.

Dove potete gustare un “Alfredo Supremo”, l’unica pasta al contrario dove la pasta accompagna il condimento: dice che la salsa di vino, aglio, crema, parmigiano è servita con le linguine a parte.

Immancabile anche la pasta al Martini o alla Vodka, le lasagne di Amy fatte sul momento (si avvisa però che ci può volere più di un’ora dall’ordine) e l’italianissima Jambalaya in salsa Cajun.

Chiudiamo questa rassegna augurandovi buon appetito e invitandovi a provare una Spaghetti Cake, con cioccolata e marmellata di more.

 

socialcosi

Gabriele Neri

Fondatore di Battibit nell'aprile 2013. Sono uno storico di formazione, scrittore di saggi e racconti brevi. Nella vita mi occupo di lavoro e disoccupati, compositore occasionale.
socialcosi

Lascia un commento!

Gabriele Neri

Fondatore di Battibit nell'aprile 2013. Sono uno storico di formazione, scrittore di saggi e racconti brevi. Nella vita mi occupo di lavoro e disoccupati, compositore occasionale.

error: Content is protected !!